LEGGE ITALIANA DI GUERRA

Approvata con r.d. 8 luglio 1938,n.1415

TITOLO PRIMO

Disposizioni generali

CAPO I

DELLA LEGGE DI GUERRA, IN GENERALE

E DELLA SUA APPLICAZIONE

(...)

(Suddito nemico)

Agli effetti di questa legge, e' considerato suddito nemico:

1^ colui che, al momento dell'applicazione della legge stessa,  possiede la nazionalitÓdello Stato nemico, ancorche' possieda in pari tempo la nazionalitÓ di altro Stato estero;

2^ colui che, posteriormente all'applicazione della legge stessa , acquista la nazionalitÓ dello Stato nemico, ancorche' possieda in pari tempo la nazionalita italiana o quella di altro Stato;

3^ l'apolide, che abbia posseduto in qualsiasi momento la nazionalitÓ di uno Stato nemico, o che sia nato da genitori che posseggano o abbiano posseduto la nazionalitÓ nemica, ovvero che abbia la residenza in territorio nemico;

4^ la moglie di colui che e' considerato suddito nemico a norma dei numeri precedenti, a meno che essa, al momento dell'applicazione di questa legge possieda la nazionalitÓ italiana.

(Deroga alla disposizioni dell'articolo precedente)

Le disposizioni dell'articolo precedente non si applicano:

1^ a colui che, a seguito di concessione o autorizzazione, abbia  acquistato o riacquistato la cittadinanza italiana posteriormente all'applicazione di questa legge;

2^ a colui che, posteriormente all'applicazione di questa legge, presti servizio nelle forze armate dello Stato italiano.

(...)

(Persone di nazionalitÓ nemica)

Sotto la denominazione di persone di nazionalitÓ nemica, questa legge comprende le persone fisiche considerate sudditi nemici a norma dell'articolo 3 e le persone giuridiche considerate di nazionalitÓ nemica a norma dell'articolo 5.

(Deroga alle disposizioni sul trattamento delle persone di nazionalitÓ nemica)

Con decreto Reale su proposta del Duce del fascismo, Capo del Governo, di concerto con il Ministro per gli Affari Esteri, puo'

essere ordinato che le disposizioni concernenti le persone di nazionalitÓ nemica siano applicate a persone o a determinate categorie di

persone che, sebbene non comprese tra quelle indicate nell'articolo 3 di questa legge, abbiano o abbiano avuto la nazionalitÓ dello

Stato nemico.

Con provvedimento del Duce del fascismo, Capo del Governo, pu˛ essere ordinato che le disposizioni concernenti le persone di nazionalitÓ nemica non siano applicate a persone o a determinate categorie di persone tra quelle indicate negli articoli 3 e 5.



TITOLO II

CAPO VI

DEI FERITI, MALATI E PRIGIONIERI DI GUERRA

Sezione 2^

Dei prigionieri di guerra e del loro trattamento

(Applicazione delle convenzioni internazionali sui prigionieri di guerra)

I prigionieri di guerra sono trattati in conformita' delle convenzioni internazionali.

Come decreto Reale, possono essere emanate norme per l'applicazione delle suddette convenzioni, salve le disposizioni di questa sezione e quelle della legge penale di guerra.

Con provvedimento dei Duce, sono emanate le norme per la costituzione e il funzionamento degli uffici di soccorso e di informazioni per i prigionieri di guerra e per i rapporti dei prigionieri con l'estero.

(Applicazione delle Convenzioni a condizione di reciprocita')

Con decreto Reale, puo' essere ordinata l'osservanza, a condizione di reciprocita' delle disposizioni delle convenzioni internazionali, indicate nell'articolo precedente, anche nei rapporti con lo stato nemico, che non sia parte delle convenzioni stesse.



TITOLO V

Del trattamento delle persone di nazionalitÓ nemica e dei beni

nemici, e dei rapporti economici con il nemico

CAPO I

DEL TRATTAMENTO DELLE PERSONE DI NAZIONALITA' NEMICA

NEL TERRITORIO DELLO STATO

CapacitÓ giuridica delle persone di nazionalitÓ nemica

Le persone di nazionalitÓ nemica conservano la piena capacitÓ  civile e il libero esercizio dei loro diritti, salve le limitazioni stabilite dalla legge. Esse conservano la capacitÓ processuale attiva e passiva.

Qualora una persona di nazionalitÓ nemica sia convenuta in giudizio davanti a un'autoritÓ giurisdizionale, questa, se ritiene che essa non possa provvedere convenientemente alla propria difesa, nomina una persona che la rappresenti in giudizio.

(Divieto di esigere dai sudditi nemici servizi attinenti alla guerra)

I sudditi nemici non possono, in alcun caso, ancorche' abbiano servito alle dipendenze dello Stato prima dell'inizio della guerra, essere costretti ad arruolarsi nelle forze armate dello Stato, o cumunque a prestare servizi attinenti direttamente alla guerra.

La disposizione precedente non si applica, se ricorre alcuno dei casi preveduti dal secondo comma dell'articolo 37.

(Divieto di entrata nel territorio dello Stato)

E' vietato ai sudditi nemici di entrare nel territorio dello Stato, senza autorizzazione del Ministero dell'interno.

(Divieto di uscita dal territorio dello Stato)

E' vietato ai sudditi nemici, ce si trovano nel territorio dello Stato di uscirne, senza autorizzazione del Ministero dell'interno.

(Internamento)

Il Ministro dell'interno, con suo decreto, puo' disporre l'internamento dei sudditi nemici atti a portare le armi o che comunque possano svolgere attivitÓ dannosa per lo Stato.

(Espulsione)

Il Ministro dell'interno, con decreto emanato di concerto con il Ministro degli affari esteri, puo' disporre l'espulsione e l'accompagnamento alla frontiera del suddito nemico, se l'interesse dello Stato lo richiede.

(Divieto od obbligo di soggiorno)

Il Ministro dell'interno, con suo decreto, puo' vietare, o fare obbligo ai sudditi nemici di soggiornare in localitÓ determinate.

La stessa facoltÓ puo' essere esercitata anche dal prefetto, quando si tratti di vietare o di fare obbligo ai sudditi nemici di soggiornare in una determinata localitÓ, compresa nel territorio della sua provincia.

Contro il decreto del prefetto e' ammesso ricorso al Ministro dell'interno.

(Criteri da seguirsi per i provvedimenti concernenti i sudditi nemici)

Nell'esercizio dei poteri conferiti dagli articoli 282 a 286, deve tenersi conto delle ragioni di umanitÓ e delle particolari condizioni personali e familiari, che ricorrano a favore del suddito nemico, e, specialmente, della tarda etÓ, dello stato di salute e della circostanza che i figli prestino servizio militare nelle forze armate dello Stato.

(Violazione dei divieti e degli obblighi imposti ai sudditi nemici)

Oltreche' nei casi preveduti dagli articoli 284 e 285, il suddito nemico puo' essere espulso o internato, quando contravvenga ai divieti e agli obblighi stabiliti da questo capo.

(Trattamento dei sudditi nemici internati)

Il trattamento dei sudditi nemici internati e' stabilito con decreto del Duce, intesi i Ministri degli affari esteri, dell'interno e delle finanze.

In ogni caso, nei confronti di sudditi internati, devono osservarsi, in quanto applicabili, le disposizioni dell'articolo 106.

(InammissibilitÓ di ricorso)

Contro i provvedimenti definitivi, emanati in applicazione degli articoli precedenti, non e' ammesso ricorso giurisdizionale, ne' ricorso straordinario al Re.


Vedi anche TESTO UNICO DELLE LEGGI DI PUBBLICA SICUREZZA